CHIUDI [X]
 
Casoli   Attualità 17/03

Guerra in Ucraina. Il prezzo del mais è alle stelle, allevatori abruzzesi in ginocchio

"Difficile reperirlo ma necessario per bovini, suini e ovini"

CASOLI - I prezzi del mais sono balzati raggiungendo uno dei valori più alti da 9 anni a questa parte. A preoccupare maggiormente è ovviamente il fatto che il conflitto tra Russia e Ucraina freni le spedizioni dalla Russia e bloccare le spedizioni ucraine dai porti del Mar Nero, causando come conseguenza un crollo delle disponibilità sui mercati mondiali. Si tratta di un'emergenza che riguarda direttamente anche l’Italia, dal momento che importiamo il 52% di mais dall'Ucraina.
Una situazione che non fa sconti neanche all'Abruzzo e ce lo testimonia Cristian D'Achille, allevatore di Casoli e proprietario di circa 100 capi tra bovini, suini ed ovini.

"Tutte le materie prime stanno aumentando e, a nostra volta, noi siamo costretti ad aumentare i prezzi ai clienti. Per quanto riguarda il mais, che rappresenta un alimento importante per l'alimentazione di tanti animali tra cui bovini, ovini e suini, la guerra attuale fa sì che non venga più importato dall'Ucraina, dove avviene la maggiore produzione, in aiuto a quello italiano. L'alternativa sarebbe quella di coltivarlo nelle nostre zone, ma è molto difficile perché saremmo costretti a recintare tutti i nostri campi a causa dei cinghiali che fanno puntualmente scempio delle coltivazioni.

Un altro problema riguardante il mais al momento, conseguenza delle difficoltà che si affrontano a reperirlo, è il prezzo d'acquisto: un mese fa era a 26 euro a quintale, adesso siamo sui 44 euro. E comunque si può ricondurre tutto al fatto che è necessario rivalutare la nostra agricoltura, al momento soffocata dai grandi produttori che favoriscono quella estera: ad esempio i grandi pastifici che si vantano di utilizzare per i loro prodotti grano 100 per 100 italiano e che ora si vedono costretti a limitare la produzione perché dall'estero il grano non arriva più".

di Miriam Giangiacomo (miriam.giangiacomo@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi

     

    Chiudi
    Chiudi