Atessa   Attualità 11/03

Futuro Sevel. USB Abruzzo: "Parole, parole, parole"

«L’incontro di ieri al MISE non chiarisce molto sul futuro dello stabilimento»

«Il piano industriale illustrato ad inizio marzo dal CEO di Stellantis e l'incontro di ieri al MISE con le parti sociali non chiariscono molto sul futuro dello stabilimento SEVEL: tante parole, tanto ottimismo e pochi fatti», così in una nota il Coordinatore Fed. USB Abruzzo, Luigi Iasci e il coordinatore Prov. USB Lavoro privato Chieti, Fabio Cocco.

«La verità è che non vi è un piano ed un programma industriale del paese per il settore automotive. I finanziamenti annunciati nel settore dal Ministro Giorgetti per i prossimi anni non risolvono i problemi in assenza di una strategia precisa e di una programmazione che un paese dovrebbe avere per un settore così vitale per il nostro paese e che occupa tantissimi lavoratori.

Ci sono tantissimi nodi da sciogliere e non vediamo una visione per il futuro se non un caos disorganizzato che non è il modo migliore per pilotare il settore verso la transizione energetica: non si comprende quali e quanti investimenti farà Stellantis nel plant di Val di Sangro, non una parola sul piano occupazionale.

Il governo, dal suo canto, dimostra che non è in grado di comprendere la necessità della riduzione di orario di lavoro a parità di salario per il settore, per scongiurare la perdita di migliaia e migliaia di posti di lavoro dovuta alla transizione energetica e alla digitalizzazione già in atto e finanziata dall'attuale e dai precedenti governi, tantomeno di cogliere come opportunità l'attuale "crisi dei semiconduttori" facendo investimenti nel settore per rendere appetibile la produzione auto nel nostro paese nel prossimo futuro. Ricordiamo che in Abruzzo vi è un territorio che ha un passato di importanza notevole nel settore elettronico ovvero quello aquilano: perché non investire per riportare produzioni in quella che era chiamata la Silicon Valley italiana? Potrebbe essere un'occasione per ridare fiato sul piano occupazionale ad una zona martoriata da vicende note, sfruttando la presenza di lavoratori già con professionalità acquisite, e per rendere attrattiva la nostra regione e quelle limitrofe per diverse tipologie di produzione comprese quelle dell'automotive.

Quanto alla Val di Sangro ribadiamo che il polo automotive, tanto invocato in passato», concludono, «va ripreso anche se per qualcuno non è più di moda e non fa notizia.
Di fronte a questo scenario vedere sindacati che sprizzano ottimismo ha dello sconcertante e non ci uniamo a questo coro stonato. 
Come USB non ci accontentiamo di parole ma pretendiamo fatti concreti e tangibili a tutela dei lavoratori, del territorio e del futuro del settore automotive nella nostra regione e nel nostro paese».

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi

     
     

    Chiudi
    Chiudi