Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Atessa   Attualità 26/08

Sevel, preoccupazione per il futuro dei lavoratori dello stabilimento di Atessa

Fiom: "Trovare percorso unitario con tutti i sindacati per avere garanzie"

“Trovare un’unità d’intenti tra tutti sindacati per avanzare la richiesta di un confronto sul futuro produttivo e di stabilizzazione dei lavoratori precari, anche attraverso un contratto di espansione che permetta a chi può, di potersi agganciare alla pensione ed assumere giovani in modo stabile”. È questo il pensiero della FIOM a margine dell’assemblea sindacale di ieri, mercoledì 25 agosto, con i lavoratori dello stabilimento Sevel di Atessa.

“La situazione produttiva della Sevel è caratterizzata da grande incertezza per tutti i lavoratori a partire dagli interinali e staff-leasing. Per questo come FIOM - dicono una nota congiunta Michele De Palma, segretario nazionale FIOM, Alfredo Fegatelli, segretario generale FIOM CGIL Chieti e la RSA FIOM Sevel - chiediamo a tutte le organizzazioni sindacali di incontrarci per preparare un percorso comune che unisca i lavoratori e porti ad aprire un confronto che sensibilizzi le Istituzioni del territorio”.

FIOM vuole quindi avere garanzie sul futuro produttivo della Sevel, garanzie produttive per l’assemblaggio e l’indotto, permettere a chi ne ha i requisiti di agganciarsi alla pensione senza penalizzazioni, trasformare a tempo indeterminato i precari. 

Il CCSL non può essere uno strumento di divisione sul futuro e sull’occupazione.La FIOM - prosegue il sindacato - sulle prospettive della produzione nello stabilimento e sull’occupazione è disponibile da subito ad aprire un dialogo prevedendo, in assenza di risposte positive dell’azienda, percorsi di lotta a partire da uno sciopero unitarioLe incertezze sul futuro e il rischio occupazionale per i precari devono essere affrontate da Stellantis e dalle istituzioni nazionali e territoriali favorendo la crescita e lo sviluppo occupazionale della Val di Sangro”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi