Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Fossacesia, anche la Soprintendenza chiede la rimozione del "cubo in cemento" sulla Via Verde

"Costruzione che impatta sul sensibile paesaggio costiero circostante"

Continua a "far storcere il naso" la struttura in cemento realizzata in prossimità del litorale di Fossacesia Marina, nella zona nord del tracciato ciclopedonale della Via Verde. Alla voce del sindaco Enrico Di Giuseppantonio, che nei mesi scorsi ne aveva chiesto più volte la demolizione, fa eco quella della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. L'ente, con una lettera, ha infatti chiesto al presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, "la rimozione del manufatto in cemento realizzato sul lato mare del tracciato ciclopedonale della Via Verde, di fronte alla vecchia stazione delle Ferrovie dello Stato nella zona nord del litorale di Fossacesia Marina".

"Le preoccupazioni manifestate dal sindaco di Fossacesia, in particolare in termini di impatto sul sensibile paesaggio costiero della Via Verde, appaiono pienamente condivisibili - scrivono dalla Soprintendenza -. Si tratta infatti di una costruzione che, indipendentemente dalla tipologia e dalla finitura conclusiva che la caratterizzerà, impatta per la posizione che occupa, in un tratto che consentiva finora la libera fruizione della visuale a mare".

Dopo la costruzione del cubo in cemento, avvenuta un anno fa, si erano registrate molte reazioni negative, pervenute anche al di là dei confini regionali, e prese di posizioni, tra cui appunto quella del sindaco di Fossacesia, che da allora aveva più volte sollecitato l'amministrazione provinciale a procedere all'abbattimento della struttura. "Di Giuseppantonio - sottolineano dal Comune di Fossacesia - aveva anche suggerito di sfruttare i locali del vecchio edificio dell'ex scalo ferroviario oppure l'area opposta alla Via Verde, che confina con la Statale 16 Adriatica, per dare una nuova collocazione al manufatto, destinato ai servizi pubblici per gli utenti. Dal momento della realizzazione del manufatto in cemento, la Soprintendenza aveva più volte segnalato la necessità di provvedere alla sua rimozione e, nel caso, allo studio di una sua diversa collocazione. A ciò si aggiunga che, in fase esecutiva dei lavori per la costruzione della Via Verde, era necessario il coinvolgimento degli uffici della Soprintendenza proprio per la definizione dell'ubicazione delle diverse strutture a supporto del percorso ciclopedonale. Opzioni condivise dalla Soprintendenza e rimarcate nella nota inviata al presidente della Provincia, sottoscritta dal direttore architetto Rosaria Mencarelli e dal funzionario competente, l'architetto Aldo Giorgio Pezzi".

"Credo che le osservazioni della Soprintendenza segnino l'epilogo di questa vicenda – afferma il sindaco Di Giuseppantonio -. Per mesi, prima della realizzazione, avevo chiesto che quel fabbricato fosse tolto perché in netto contrasto con il paesaggio che lo circonda, tra l'altro in uno dei punti panoramici più belli della Via Verde, dalla quale è possibile ammirare il Golfo di Venere e i trabocchi che sorgono in quel tratto di mare. Devo ringraziare pubblicamente la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province di Chieti e Pescara, che mi ha sostenuto in questa battaglia in difesa dell'ambiente e del paesaggio, che da sempre hanno contraddistinto le amministrazioni da me guidate. L'auspicio ora è che si proceda presto allo smantellamento del manufatto".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi