Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vaccinazioni "on the beach" a San Vito e Fossacesia

Schael: "Aperte a tutti, ma aspettiamo i più giovani in vista del ritorno a scuola"

Una settimana di vaccinazioni “on the beach”, in orario serale, senza prenotazioni e aperte a tutti. Questa la nuova iniziativa della Asl Lanciano Vasto Chieti, che a partire da lunedì 23 agosto diversifica l’offerta per facilitare l’adesione alla campagna vaccinale soprattutto in alcuni Comuni che non hanno raggiunto il 70% di persone che abbiano ricevuto almeno la prima dose. Fossacesia e San Vito sono le località prescelte, dove i vaccini saranno somministrati nelle rispettive sedi di medicina turistica dalle ore 16 alle 21, per dare a tutti la possibilità di immunizzarsi senza sacrificare una giornata di mare.

Gli ambulatori si trovano a Fossacesia sul Lungomare, nell’ex Scuola materna, dove le vaccinazioni saranno effettuate lunedì, mercoledì, venerdì e domenica, e a San Vito, lungomare Sud Ericle D’Antonio di fronte ex stazione, nelle giornate di martedì, giovedì e sabato. Sarà impiegato il personale Asl, mentre a regolare il flusso delle persone provvederanno i volontari, come accade abitualmente negli hub vaccinali.

“L’accesso è aperto a tutti, anche se guardiamo con particolare attenzione a giovani e giovanissimi - sottolinea il direttore generale Thomas Schael - in vista della riapertura delle lezioni in presenza sia a scuola che nelle università. Se si coglie questa opportunità si riesce a chiudere il ciclo con la seconda dose giusto in tempo per la ripresa delle attività scolastiche, e affrontare il nuovo anno con maggiore serenità. Senza voler utilizzare gli appelli alla paura è però necessario un richiamo alla stretta attualità di questi giorni che riguarda proprio la nostra realtà locale: abbiamo giovani trasferiti in terapia intensiva, le cui condizioni critiche hanno determinato la scelta dell’intubazione. Non erano vaccinati. Sono quindi di tutta evidenza i rischi di malattia grave a cui si espone chi non è immunizzato, senza dire, poi, che le persone vaccinate, in caso seppur remoto di infezione, sono portatori di una carica virale bassa, che si trasmette con minore facilità e non espone i contagiati alle conseguenze più preoccupanti della malattia”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi