Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Bagno antiestetico sulla Via Verde a Fossacesia, il sindaco torna a chiederne la demolizione

"Si potrebbero recuperare i locali della vecchia stazione"

"Chiedo, ancora una volta, ai tecnici della Provincia di Chieti impegnati nelle procedure per la realizzazione della Via Verde della Costa dei Trabocchi, di avviare gli atti amministrativi per la demolizione del manufatto in cemento, posizionato sul lato mare, di fronte alla vecchia stazione, nella zona nord del tracciato ciclo-pedonale, che attraversa Fossacesia".

È quanto chiede, anche a nome dell’intera amministrazione comunale, il sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio che, per la verità, già nella scorsa stagione estiva aveva avuto modo di esprimere, attraverso alcuni organi di stampa, la sua contrarietà al cubo in cemento, costruito per essere adibito a servizi igienici e che ha prodotto un impatto poco gradevole.

Inoltre, vi è da aggiungere che potrebbero sorgere ulteriori problemi per l’allacciamento fognario. La struttura, infatti, si affaccia su uno dei tratti di spiaggia più belli della costa fossacesiana, dove tra l’altro sorge il trabocco Punta Rocciosa e ostruisce lo sguardo sul Golfo di Venere, sotto l’abbazia di San Giovanni in Venere.

“Le soluzioni alternative non mancano – aggiunge Di Giuseppantonio – Il manufatto può essere spostato verso l'interno, sul lato opposto della Via Verde che confina con la Statale 16 Adriatica. Non solo. In alternativa al suo posizionamento, si potrebbero recuperare alcuni dei locali della vecchia stazione, evitando di realizzare in un'area ad alta sensibilità paesaggistica ulteriori costruzioni".

Queste soluzioni sono, peraltro, state condivise in un recente sopralluogo che il sindaco ha effettuato con funzionari della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, i quali hanno già manifestato la necessità di trovare soluzioni alternative a quella attuale, nell'ottica, pienamente condivisa dall'amministrazione comunale, di mantenere inalterato e dove possibile migliorarlo, il delicato equilibrio tra paesaggio della costa e antropizzazione.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi