Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Torino di Sangro, danneggiato il Papavero delle spiagge

La Stazione Ornitologica Abruzzese presenta esposto a Forestali e Capitaneria

Ieri, durante un sopralluogo a Torino di Sangro, località Le Morge, i volontari della Stazione Ornitologica Abruzzese impegnati nel monitoraggio del Fratino si sono trovati davanti a uno spettacolo desolante. Molti esemplari del raro Papavero delle spiagge, una pianta perenne tipica delle spiagge ciottolose, erano stati estirpati da poco e lasciati a marcire a terra. Tra l'altro erano in piena fioritura. Fortunatamente altri magnifici esemplari erano ancora vivi punteggiando di giallo la spiaggia ciottolosa. In Abruzzo sono pochissimi i luoghi dove questa pianta sopravvive: Scerne di Pineto, alcuni punti a Torino di Sangro, Ortona, Vasto.

La vistosa fioritura di questa pianta, che avviene proprio ora tra fine maggio e inizi di giugno, la rende inconfondibile, con un giallo accesso e fiori molto grandi e scenografici che rendono certamente più bella la spiaggia che li ospita.

“Non sappiamo chi abbia perpetrato questo scempio che colpisce la biodiversità della Costa dei Trabocchi. Un patrimonio naturalistico - dicono dalla Stazione Ornitologica Abruzzese - che deve essere salvaguardato e che invece viene sempre più spesso maltrattato o peggio distrutto nonostante la Legge regionale 45/1979 e le norme sui beni culturali tutelino la vegetazione costiera come parte integrante di un paesaggio unico”. 

La Stazione Ornitologica Abruzzese ha presentato immediatamente un esposto a Capitaneria di Porto e carabinieri forestali ed esprime la sua forte preoccupazione in considerazione dei continui attacchi a cui è sottoposta la costa. Si chiede agli enti pubblici di gestire correttamente queste aree e di sorvegliarle adeguatamente in quanto ricchezza della regione.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi