Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Stabilimento a Fossacesia, dopo gli esposti il Comune sospende i lavori

È il secondo stabilimento bloccato per presunte irregolarità

Sospesi i lavori anche per il secondo stabilimento balneare a Fossacesia dopo le polemiche a seguito degli esposti da parte delle associazioni del coordinamento Tu Vi.Va [LEGGI QUI].

Si tratta del secondo caso con forti criticità dopo quello dello stabilimento più a sud, poi messo sotto sequestro e in parte demolito dalle mareggiate [LEGGI QUI]. Il Comune di Fossacesia ha motivato l'ordinanza con il fatto che nel frattempo l'erosione costiera avrebbe cambiato le caratteristiche dei luoghi rispetto al momento del rilascio dei permessi. 

“Invece il Comune - dice una nota del coordinamento Tu Vi.Va. - si difende sulla questione dei materiali utilizzati ritenendoli regolari, come le grandi travi in cemento, quando il piano del demanio marittimo regionale prevede esclusivamente l'uso di materiale ecocompatibile”.  

Il coordinamento chiede il rispetto delle norme e, quindi, mai più cemento sulle spiagge abruzzesi già fortemente antropizzate. “Il paesaggio e la costa - dicono dal coordinamento - certamente non si tutelano facendo realizzare nuovi stabilimenti e, per giunta, con le sembianze di un capannone industriale. Continueremo a vigilare e a lottare affinché il litorale abruzzese sia messo al riparo da ulteriori cementificazioni e, anzi, sia almeno in parte riqualificato e rinaturalizzato. Questo è quello che chiede il turismo: - conclude la nota - spazi quanto più naturali e non alterati. Questo è quello da fare per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici in atto”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi