Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Atessa   Cronaca 01/03

La Fiom proclama lo sciopero: "Sevel manda gli interinali a casa e li sostituisce con trasfertisti"

La protesta: due ore di astensione dal lavoro il 3 marzo alla fine di ogni turno

Val di Sangro: lo stabilimento SevelDue ore di sciopero. Le ha indette per il 3 marzo la Fiom Cgil per protestare contro la decisione della Sevel "di rimandare a casa gli interinali per sostituirli con dei trasfertisti", dice il segretario provinciale delle tute blu, Alfredo Fegatelli.

Si fanno tesi i rapporti tra la Cgil e l'azienda del Gruppo Fiat: "Capiamo che in altri stabilimenti la situazione non è positiva e non è nostra intenzione fare una guerra tra poveri, ma non è possibile pensare di penalizzare dei bravi ragazzi che si sono impegnati oltre ogni immaginazione. Ragazzi e ragazze" che hanno lavorato "sei giorni su sette per mesi e mesi ed ora vengono rimandati a casa".

"Siamo davanti una forte contraddizione", sostiene Fegatelli perché "si fanno venire dei trasfertisti che aumenteranno i costi sempre a discapito di lavoratori interinali".

Il segretario della Fiom di Chieti lancia un allarme riguardo alla fabbrica di furgoni, lo stabilimento più grande d'Abruzzo: "Assistiamo ad un aumento dei volumi Sevel e perdiamo occupazione nel nostro territorio nel silenzio assordante della Regione Abruzzo". Di qui il sindacato, "nel manifestare la propria contrarietà rispetto a questa decisione e per esprimere solidarietà ai nostri ragazzi, proclama due ore di sciopero per il giorno 3 marzo 2021 da effettuarsi alla fine di ogni turno".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi