CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Atessa   Attualità 16/02

Atessa, dopo 14 giorni si torna a scuola

Predisposto screening per i 600 studenti della città

Dopo 14 giorni di chiusura, decretata dal sindaco, Giulio Borrelli, a causa dell'aumento dei positivi al Covid-19, domani, ad Atessa, riaprono le scuole. Tornano in classe i bimbi degli asili, delle elementari e della prima media. La riapertura delle scuole è stata disposta dalla dirigente dell'istituto omnicomprensivo Ciampoli-Spaventa, Liberata Colanzi. Al contempo il primo cittadino, in accordo con la Asl Lanciano Vasto Chieti, ha predisposto, insieme alla riapertura, lo screening per i circa 600 alunni, per insegnanti e personale non docente che riprendono l'attività didattica in presenza.

"Lo scorso 3 febbraio - spiega il sindaco - dopo aver registrato numerosi nuovi casi di coronavirus, tra studenti e docenti, abbiamo chiuso, per 14 giorni, l’edificio scolastico "Cinalli" e le scuole dell'infanzia Rione Meridionale e Fontecicala. Subito dopo, in seguito anche all’ordinanza della Regione che istituiva per Atessa la “zona rossa”, abbiamo disposto la chiusura di tutti gli altri plessi e abbiamo provveduto alla completa sanificazione di tutti gli edifici scolastici. Ora, trascorse le due settimane, - sottolinea - la preside ha emanato circolare di riapertura. Dai dati diffusi dalla Regione, risulta però che nelle province di Pescara e di Chieti, per le quali è stata istituita la "zona rossa", circola una variante del virus, probabilmente quella inglese, più diffusiva, che infetta bimbi e adolescenti. Per questa ragione abbiamo disposto lo screening per ragazzi e insegnanti che tornano a scuola, e non si sono sottoposti a tampone nello scorso fine settimana”.

Il sindaco ha anche emesso una propria ordinanza sulla riapertura delle scuole in cui, tra l’altro, invita la Asl e la dirigente scolastica a disporre la quarantena e/o la didattica a distanza qualora in una classe dovesse esserci anche un solo caso positivo. “Dopo lo screening di massa dello scorso week end, che si è concluso con successo, grazie alla partecipazione di 3.250 cittadini, che hanno sfidato neve e ghiaccio, questa - dice ancora Borrelli - è un'ulteriore iniziativa a tutela della salute pubblica".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi