Nuovo look per i marciapiedi del viale di San Giovanni in Venere - Iniziati i lavori per la messa in sicurezza dei 1.600 metri che portano all’Abbazia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Nuovo look per i marciapiedi del viale di San Giovanni in Venere

Iniziati i lavori per la messa in sicurezza dei 1.600 metri che portano all’Abbazia

Ridurre al minimo il pericolo di cadute o infortuni per quanti percorrono i marciapiedi di viale San Giovanni in Venere. Sono infatti partiti i lavori, in questi giorni, lungo la strada alberata che porta nell'area monumentale dell'Abbazia di San Giovanni in Venere.

I lavori riguardano la rimozione delle mattonelle che in molti tratti, a causa dell’espandersi delle radici dei pini e cipressi che costeggiano il viale, si sono sollevate, rendendo praticamente difficoltoso il transito dei pedoni. Con questo intervento si potrà camminare sul massetto.

“Il nostro compito è quello di tenere al primo posto la sicurezza delle persone, nonostante le difficoltà economiche dei comuni – precisa il sindaco Enrico Di Giuseppantonio -. San Giovanni in Venere è stata e continuerà ad essere visitata da fedeli e turisti, e da molti è scelta per la suggestiva bellezza dei luoghi come cornice perfetta per la celebrazione dei matrimoni. Dovevamo quindi intervenire per rendere più agevoli e sicuri i 1.600 metri di marciapiedi che collegano il centro della città con l'area monumentale di San Giovanni in Venere. Nelle prossime settimane – annuncia Di Giuseppantonio – la ditta incaricata dalla Provincia avvierà le potature ed i lavori di estrazione degli alberi cadenti lungo il viale, che sulla base di una serie di indagini svolte nel febbraio dello scorso anno da un esperto hanno mostrato segni, sintomi o gravi difetti tali da far ritenere esaurito il fattore di sicurezza naturale e pertanto, costituendo pericolo, vanno abbattuti”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi