Centinaia di gru in migrazione sorvolano la Val di Sangro - Le evoluzioni degli esemplari nel video della Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Centinaia di gru in migrazione sorvolano la Val di Sangro

Le evoluzioni degli esemplari nel video della Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus

Con l'arrivo del primo freddo puntuali arrivano in Abruzzo le gru dal nord-est del continente europeo. Sorvolano la regione sostando per qualche ora per poi riprendere il viaggio verso i quartieri di svernamento. Ad osservarle, pochi minuti fa, Alessandra Iannascoli, attivista della SOA, in Val di Sangro, e Giosuè Bucci, appassionato di natura, a Castel Frentano, che hanno immortalato in un video le magnifiche evoluzioni aeree di questi grandi uccelli.

Con ogni probabilità sono esemplari provenienti dall'estremo Nord dell'Europa centro orientale, da paesi come la Finlandia, la Russia e la Polonia, dove nidificano. All'approssimarsi del duro inverno in quelle aree si muovono verso sud volando per alcune migliaia di chilometri. Negli ultimi anni le osservazioni sono sempre più frequenti, anche di stormi di centinaia di individui che non passano inosservati per le dimensioni degli esemplari (oltre 2 metri di apertura alare), per i versi che usano per tenersi in contatto udibili a chilometri (da cui il nome italiano di origine onomatopeica) e per il caratteristico volo in formazione a V (in realtà usato anche da altre specie). Anche in letteratura e nell'arte la specie era spesso citata: si pensi, ad esempio, alla novella di Boccaccio "Chichibio e la gru".

Lo scorso anno un grande stormo era stato osservato sempre nel Chietino proprio il 22 novembre. Alcuni anni fa diversi esemplari hanno scelto la piana del fiume Sangro a Pescasseroli nel parco d'Abruzzo per trascorrere diverse settimane nell'area protetta in tranquillità. La SOA ringrazia i cittadini che inviano queste segnalazioni che possono essere molto utili perché sono inserite in banche dati internazionali e piattaforme come Ornitho.it che poi vengono usate dai ricercatori per scopi di ricerca. Un esempio concreto di Citizen Science che aiuta a comprendere i fenomeni naturali.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi