"Lunatica", l’arte contemporanea accende San Giovanni in Venere - Luci, suoni e musica domani sera in uno spettacolo atipico ai piedi dell’abbazia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Fossacesia   Eventi 18/09

"Lunatica", l’arte contemporanea accende San Giovanni in Venere

Luci, suoni e musica domani sera in uno spettacolo atipico ai piedi dell’abbazia

Domani, sabato 19 settembre, alle ore 21 si terrà il primo appuntamento di LUNATICA - Notte d’arte contemporanea, evento patrocinato dal Comune di Fossacesia, a cura di Giuliana Benassi, con l’obiettivo di presentare i linguaggi dell’arte contemporanea attraverso performance, installazioni e mostre.

Ad inaugurare l’evento con una performance, gli artisti Josè Angelino e Simone Pappalardo si esibiranno di fronte all’Abbazia di San Giovanni in Venere. L’esibizione è inscenata dagli artisti attraverso una serie di strumenti automatici da loro realizzati, che richiamano forme naturali, aggregazioni di elementi che ricalcano lo skyline del paesaggio, fondendo l’aspetto artigianale della composizione a quello tecnologico dell’impiego strumentale.

“Uno spettacolo particolare, che accenderà le emozioni – affermano il sindaco Enrico Di Giuseppantonio e l’assessore alla Cultura, Maura Sgrignuoli -. Si potranno vivere sensazioni che colpiranno soprattutto perché l’abbazia benedettina sarà investita da luci colorate. Siamo rimasti colpiti favorevolmente dalla proposta e abbiamo dato la nostra disponibilità perché siamo convinti che il pubblico potrà assistere ad uno spettacolo unico”.

La performance nasce dalla suggestione visiva e concettuale di "tiers paysage” e “jardin en mouvement” per interpretarne i meccanismi evolutivi attraverso un sistema di feedback. L’orchestra è controllata sia da algoritmi non deterministici che monitorano e modificano matrici di feedback, che da forme elettromeccaniche di modulazione e timing, in modo fortemente interdipendente. L’idea di riciclo e più in generale di "spazio residuale” e di “timbro residuale”, è fortemente replicata su più livelli della performance.

Ogni singolo strumento/installazione è costruito per esplorare differenti materiali indagandone i limiti, cercando una completa fusione, in tempo reale, fra parametri di controllo della forma musicale e meccanismi di generazione del suono. Tutto ciò crea un vocabolario di timbri elettromeccanici in continua trasformazione. Il suono generato dagli strumenti sarà accompagnato dal musicista Fabio Della Cuna che partecipa a questa complessa e fluida composizione sonora che riverbera nello spazio circostante, accogliendo il pubblico nella contemplazione del luogo suggestivo di San Giovanni in Venere.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi