Recuperati e fatti brillare gli ordigni bellici trovati in mare a Fossacesia - Oggi pomeriggio in azione gli artificieri
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Fossacesia   Cronaca 31/07

Recuperati e fatti brillare gli ordigni bellici trovati in mare a Fossacesia

Oggi pomeriggio in azione gli artificieri

È stato tempestivo l'intervento degli artificieri dell'Esercito per riportare alla normalità la situazione nel tratto di mare antistante Fossacesia dove ieri un sub, durante un'immersione, aveva scoperto degli ordigni della seconda guerra mondiale [LEGGI].

Oggi una squadra di artificieri, scortata da una unità della Capitaneria di Porto di Ortona, è giunta alle 16 nell'area di Fosso Palazzo, interdetta da ieri alla navigazione e ai bagnanti, e dopo un'ora ha riportato in superficie le piccole bombe semicoperte dalla sabbia, a circa 50 metri dalla spiaggia.

L'intervento di recupero è stato seguito a terra da numerose persone e si è svolto alla presenza del sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio con gli agenti della Polizia Municipale Mario Mammarella e Luigi Di Berardino. "Sono grato alla Prefettura di Chieti, alla Capitaneria e agli artificieri per la celerità con la quale sono intervenuti e hanno operato per riportare in sicurezza il tratto di mare", ha dichiarato Di Giuseppantonio.

Oltre a recuperare gli ordigni che sono stati fatti brillare a largo, i sub dell'Esercito hanno monitorato a lungo il fondale per constatare se vi fossero altri residui della seconda guerra mondiale.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi