Costa dei Trabocchi, ripartono le bike station: "Integrare sistema treno-bici-bus" - Campitelli: "Lavoriamo a sistema di mobilità integrata su scala regionale"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Costa dei Trabocchi, ripartono le bike station: "Integrare sistema treno-bici-bus"

Campitelli: "Lavoriamo a sistema di mobilità integrata su scala regionale"

Tornano in funzione sabato 18 luglio le bike station con il servizio di noleggio bici nelle stazioni treni di Francavilla al mare, Tollo - Canosa Sannita, Ortona, San Vito Chietino, Fossacessia - Torino di Sangro, Casalbordino, Porto di Vasto e Vasto - San Salvo. L’iniziativa è stata presentata questa mattina, sul trabocco Punta Le Morge a Torino di Sangro, con la presenza di diversi parere dell’iniziativa. Con il supporto della Camera di Commercio Chieti-Pescara, del Gal Costa dei Trabocchi e del Polo Inoltra anche quest’anno saranno garantite la presenza di 100 bici distribuite su tutte le stazioni ferroviarie e l’implementazione del sito CostaDeiTrabocchiMob.it per le informazioni e prenotazioni relative al servizio. Vi partecipano anche Federazione Ciclistica Italia, Bike Life e operatori turistici lungo la costa.

"L’obiettivo - spiega Giuseppe Di Marco, presidente di Legambiente Abruzzo - è mettere a rete un sistema treno-bici-bus per alleggerire la pressione del traffico sulla costa”. Alle bike station si aggiungono quest’anno i green hub, presenti nella Lecceta di Torino di Sangro, nel villaggio agrario e bike park di Scerni, nella riserva Bosco di Don Venanzio a Pollutri, nella riserva di Punta Aderci a Vasto, nella riserva Vasto Marina e al giardino Botanico di San Salvo, per ampliare le possibilità di intermodalità verso l’interno.

"Siamo fortemente convinti di far parte di questo progetto - ha sottolineato il sindaco di Torino di Sangro, Nino Di Fonso, nelle vesti di padrone di casa - ed è bene che tutti i Comuni siano protagonisti di questo movimento di sviluppo turistico. Noi ci abbiamo messo del nostro, impegnandoci per risolvere i problemi legati alla frana di Lago Dragoni. Ormai ci siamo e presto quel tratto verrà risanato”. 

Il progetto Bike Station si aggiunge a quello della Linea dei Trabocchi, già sperimentato con successo la scorsa estate. “Lo abbiamo confermato - ha spiegato Alfonso Di Fonzo, presidente della Di Fonzo spa - nonostante uno scenario di difficoltà. Tutti i vettori aderenti hanno confermato le linee verso il mare perché c’è grande interesse sul tema della mobilità sostenibile”. Anche quest’anno gli esercenti premieranno chi sceglierà il bus della Linea dei Trabocchi per raggiungere i litorali di Torino di Sangro e Casalbordino. “Abbiamo l’esigenza di favorire una mobilità diversa - ha sottolineato Giuseppe Susi, presidente regionale di Fiba Confesercenti - e come operatori vogliamo incentivarla fornendo una scontistica che ogni anno si amplia”.

Per Carlo Ricci, direttore del Gal Costa dei Trabocchi, “questo territorio è sempre più attendo alla questione ambientale. Incentivare il cicloturismo è segno di ripartenza. Si intensificano in questo senso gli sforzi per dare più visibilità agli operatori del sistema bici, suggerendo agli utenti percorsi non solo costieri”.

I progetti messi in campo si trovano però a far fronte con un tracciato della Via Verde ancora da completare e con la questione parcheggi selvaggi emersa prepotentemente nelle scorse settimane. “Serve un’azione in sinergia - ha sottolineato l’assessore regionale Nicola Campitelli - . Ho convocato un tavolo tecnico permanente, con tutti gli attori coinvolti, perché non possiamo perdere un solo secondo. La questione di Lago Dragoni è in via di risoluzione e, entro l’estate, vogliamo inaugurare un primo tratto di pista ciclopedonale. La Via Verde cambierà l’immagine della nostra Regione ma da sola non basta. Ci sono i fondi per l’acquisto delle vecchie stazioni e, il progetto più importante, è quello di un sistema di mobilità integrata su scala regionale”.

Guarda il video Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Sulla Costa dei Trabocchi riparte il progetto bike-station

Le interviste a Giuseppe Di Marco (presidente Legambiente Abruzzo), Nicola Campitelli (assessore regionale alla mobilità sostenibile) e Nino Di Fonso (sindaco di Torino di Sangro) - Servizio di Giuseppe Ritucci - Immagini e montaggio di Nicola Cinquina



 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi