"Stavo solo facendo un riposino al sole", arrestato pusher 48enne - Scattata la perquisizione anche in casa, trovata droga per 3 mila euro
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

"Stavo solo facendo un riposino al sole", arrestato pusher 48enne

Scattata la perquisizione anche in casa, trovata droga per 3 mila euro

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Lanciano, diretti dal capitano Vincenzo Orlando, nell’ambito degli ormai quotidiani servizi di controllo del territorio anche finalizzati alla verifica del rispetto delle misure di profilassi in atto sul territorio nazionale, lungo la strada che conduce a Sant’Eusanio del Sangro, hanno proceduto al controllo di un uomo che, approfittando della bella giornata, si stava, a suo dire, apprestando a schiacciare un riposino su un muretto, ben equipaggiato con coperta e cuscino.

Durante le verifiche però, l’uomo, un 48enne disoccupato del luogo, ha assunto da subito un ingiustificato atteggiamento irrequieto, cosa che ha indotto i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, diretti dal tenente Giuseppe Nestola, ed i colleghi della stazione di Castel Frentano, ad approfondire gli accertamenti.

Infatti, lo stesso, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato subito in possesso di alcuni grammi di marijuana, celati all’interno di una bustina nella tasca del pantalone, “per suo uso personale”, ha riferito l’uomo. I successivi approfondimenti condotti dai militari, però, hanno fatto emergere una presenza abituale dell’uomo in detta località ed il sospetto che lo stesso potesse detenere altra sostanza stupefacente ai fini dello spaccio. Pertanto, la perquisizione è stata estesa anche nella sua residenza ed in un altro locale di sua proprietà, sempre nel piccolo comune frentano e permetteva ai militari del NOR di trovare, nascosti in una sacca di nylon occultata in un vecchio mobile, due buste trasparenti contenenti complessivamente circa 2 etti di marijuana che è stata quindi sottoposta a sequestro.

Per Errico D’Onofrio sono quindi scattate le manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria, lo stesso è stato posto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Verifiche ulteriori sono in corso da parte dei Carabinieri per l’individuazione del canale di approvvigionamento della sostanza, sicuramente destinata a giovani del comprensorio frentano, che avrebbe fruttato un illecito guadagno di circa 3mila euro.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi