Fossacesia adotta misure più stringenti: no all’attività fisica all’aperto - Attivato il Centro operativo comunale per le emergenze
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Fossacesia adotta misure più stringenti: no all’attività fisica all’aperto

Attivato il Centro operativo comunale per le emergenze

Assoluto divieto di frequentare parchi cittadini e di svolgere qualunque attività fisica all’aperto. Sono solo alcune delle disposizioni contenute nell’ordinanza che il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, ha emanato ieri per rendere più rigide le restrizioni finalizzate a contenere la diffusione del coronavirus, insieme all’attivazione del Coc (Centro operativo comunale).

A Fossacesia, come comunicato dalla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, è stato segnalato un positivo al Covid 19 e per questa ragione il primo cittadino ha attivato, con decorrenza immediata, questo nuovo provvedimento. “Ho diffuso in queste ore un nuovo appello alla cittadinanza attraverso i social e sul nostro sito istituzionale per invitarla a restare in casa – ha sottolineato Di Giuseppantonio -. Tutti in questo momento dobbiamo fare la nostra parte, collaborare al massimo e rispettare le indicazioni che provengono dalle istituzioni e dalle autorità sanitarie”.

Nell’ordinanza, il sindaco dispone che da oggi, e fino al prossimo 3 aprile, è vietato frequentare parchi, giardini e aree pubbliche, fare attività motorie e sportive all’aperto anche in forma individuale, è possibile portare il cane fuori ma restando nelle aree attigue alla propria abitazione nel raggio di 400 metri. I trasgressori saranno perseguiti ai sensi e per gli effetti dell’art. 650 del codice penale. Per quanto riguarda il COC, è stato invece attivato un apposito numero telefonico, il 333 9240334 attivo dalle ore 8 alle ore 19 per le emergenze. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi