Hydro Building System, i sindacati proclamano lo sciopero dei lavoratori - Richiesta di blocco delle attività produttive e attivazione dei sostegni al reddito
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Hydro Building System, i sindacati proclamano lo sciopero dei lavoratori

Richiesta di blocco delle attività produttive e attivazione dei sostegni al reddito

FIM e FIOM hanno dichiarato lo sciopero di 8 ore per ciascun turno lavorativo, nella giornata di oggi, alla Hydro Building Systems di Atessa. La protesta proseguirà anche nei prossimi giorni, con 4 ore di sciopero previste per domenica 22 marzo, salvo un eventuale accordo sulla cassa integrazione.
Secondo le sigle sindacali di categoria, l'adesione è stata quasi totale. 

Lo sciopero nasce dalla necessità, come espresso nel comunicato dei sindacati, di ridurre o evitare la presenza del personale in azienda, al fine di scongiurare il rischio di contagio, considerato che le attività dell'azienda "non producono beni di prima necessità, e a livello europeo si sta andando verso il blocco delle merci in uscita. Rischiamo di produrre per il magazzino", sottolineano. La richiesta è quella di concordare l'utilizzo degli ammortizzatori sociali, fino ad ora rimasta inascoltata.

"Fermarsi adesso vuol dire aiutare la nazione a fermare il virus e mettersi in condizione di ripartire in sicurezza e meglio una volta passato il contagio", ribadiscono.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi