"Attivate i reparti di Rianimazione e Terapia Intensiva ad Atessa e Casoli" - A chiederlo sono 47 sindaci dei comuni del Sangro-Aventino-Frentano
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Atessa   Attualità 10/03

"Attivate i reparti di Rianimazione e Terapia Intensiva ad Atessa e Casoli"

A chiederlo sono 47 sindaci dei comuni del Sangro-Aventino-Frentano

“Provvedere con urgenza all’attivazione negli ospedali di Atessa e Casoli dei reparti di Rianimazione e Terapia intensiva”. A chiederlo alla Asl Lanciano-Chieti-Vasto ed alla Regione Abruzzo, sono 47 sindaci del territorio Sangro-Aventino-Frentano preoccupati per l’emergenza coronavirus.

“Considerati l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio regionale che potrebbero portare i presidi ospedalieri della Regione Abruzzo a non riuscire a far fronte alle emergenze in considerazione del numero esiguo di posti nei reparti di Terapia intensiva e Rianimazione in Abruzzo ed in particolare nella provincia di Chieti, - si legge nella nota dei sindaci - si chiede di attivare con urgenza i due reparti negli ospedali di Atessa e Casoli in modo da poter essere preparati di fronte ad eventuali emergenze che si potrebbero verificare a seguito dell’evolversi della situazione epidemiologica del virus Covid-19”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi