San Giovanni in Venere, necessari ulteriori interventi al tetto - Di Giuseppantonio: "Indispensabili operazioni più incisive"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Giovanni in Venere, necessari ulteriori interventi al tetto

Di Giuseppantonio: "Indispensabili operazioni più incisive"

Saranno necessari ulteriori lavorazioni di somma urgenza all'esterno e all'interno dell’abbazia di San Giovanni in Venere in corrispondenza delle prime due campate che si trovano sulla facciata principale del Portale della Luna.

I primi lavori sono iniziati grazie alla decisione del Prefetto di Chieti Giacomo Barbato. Questo è quanto emerso dal sopralluogo che ieri l’architetto Aldo Giorgio Pezzi, funzionario responsabile Area Funzionale IV – Patrimonio architettonico della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell'Abruzzo ha eseguito congiuntamente alla collega Eliseba de Leonardis, funzionario restauratore della Soprintendenza, dell'ing. Silvano Sgariglia, per il Comune di Fossacesia e dell'impresa F.lli Mammarella srl., assegnataria degli interventi predisposti dal Ministero dell’Interno, direzione centrale per l’Amministrazione del Fondo Edifici di Culto.

L’impresa in questi giorni ha avviato gli interventi di riparazione al tetto della chiesa, danneggiato in seguito alle infiltrazioni d’acqua piovana. La verifica ha permesso un più attento esame delle problematiche ed è risultato evidente che per la conservazione dell’abbazia sono indispensabili operazioni più incisive.

“I timori che nutrivamo hanno trovato conferma dall’esame dei tecnici – afferma il sindaco Enrico Di Giuseppantonio -. Ringrazio il Prefetto di Chieti Barbato per aver dato seguito agli appelli che, come Amministrazione comunale, in più occasioni, abbiamo lanciato sullo stato di salute del monumento e per essersi adoperato affinché il FEC predisponesse i lavori. Ora abbiamo un quadro più preciso della situazione e siamo certi che si procederà presto per poter eseguire quanto indispensabile per mettere in sicurezza l’importante monumento nazionale e sono convinto che presto il Prefetto solleciterà il FEC per i finanziamenti urgenti indispensabili alle riparazioni”.

La presenza del cantiere inevitabilmente sarà prolungato e di questo sono stati informati i padri Passionisti, che dovranno tenerne conto per coordinare al meglio le attività religiose in calendario a San Giovanni in Venere con i lavori nel cantiere.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi