Sevel, dal 2021 si produrranno anche i Ducato elettrici - Sul coronavirus, nessun allarme né per la salute né per la produzione
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Atessa   Attualità 28/02

Sevel, dal 2021 si produrranno anche i Ducato elettrici

Sul coronavirus, nessun allarme né per la salute né per la produzione

Dal 2021, nello stabilimento Sevel di Atessa si inizieranno a produrre i nuovi Ducato interamente elettrici. A dirlo sono stati ieri i rappresentanti della Fim Cisl, Raffaele Apetino, responsabile nazionale settore automotive e Amedeo Nanni, Fim Cisl Abruzzo.

“Avremmo voluto tenere un’assemblea in fabbrica per parlare del premio produzione, dei possibili problemi legati al coronavirus ed al futuro dell’azienda, - dice Nanni - ma per le disposizioni precauzionali, dovute proprio al rischio contagio, non è stato possibile organizzarla, ma non potevamo tenere queste informazioni per noi”.

“Per quanto riguarda il coronavirus, intanto, la situazione al momento sembra essere sotto controllo. - rassicura Apetino - C’è qualche azienda in Lombardia, nella zona rossa, costretta alla chiusura ma se l’emergenza non proseguirà, non ci sono rischi di fermo produttivo anche qui”.

E per i vertici di Fim - Cisl, anche le prospettive future non sono negative, anzi. “Qualche giorno c’è stato un incontro a Pomigliano d’Arco in cui sono state tracciate tutte le linee per il futuro del gruppo FCA. - spiega Raffaele Apetino - In Italia tutti i piani saranno rispettato, compreso l’investimento di 5 miliardi di euro che, tra l’altro, prevede l’inserimento di 13 nuovi modelli, tra cui la produzione del Ducato elettrico ad Atessa”.

E così si confermerebbe, anche per il futuro, un punto strategico per la produzione FCA lo stabilimento Sevel in Val di Sangro. “Intanto i lavoratori troveranno di media 1.340 euro in busta paga come premio produzione ma - dice ancora il rappresentante nazionale Fim Cisl - ci stiamo muovendo affinché alla Sevel venga riconosciuta una specificità che possa dare degli incentivi extra ai lavoratori dello stabilimento abruzzesi”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi