Fossacesia, lavori per ripristinare l’antica Fonte di Venere - Proseguono anche i lavori sul Belvedere di San Giovanni in Venere
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Fossacesia, lavori per ripristinare l’antica Fonte di Venere

Proseguono anche i lavori sul Belvedere di San Giovanni in Venere

Proseguono i lavori sul Belvedere e alla Fonte di Venere, nell’area monumentale di San Giovanni in Venere. Si tratta di interventi eseguiti sotto la supervisione della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio della Regione Abruzzo, tesi ad arginare il dissesto idrogeologico che ha interessato la zona e per il quale il Comune di Fossacesia ha ottenuto, a seguito di approvazione di un progetto, un finanziamento di 500 mila euro derivante dalle economie F.S.C. 2007-2013, delibera Cipe 97 del 22 dicembre 2017.

Una parte di questa somma il Comune ha deciso di destinarla a ripristinare l’antica Fonte di Venere, di proprietà dello Stato, d’origine romana. Costituita da due vasche in pietra attualmente piene di acqua proveniente da una vicina sorgente naturale ancora attiva. La Fonte presenta al suo interno una volta a botte, dove si notano due fori circolari dai quali probabilmente un tempo si calavano i secchi legati a funi per attingere l’acqua. Secondo un’antica tradizione pagana, praticata fino alla metà del XX secolo, le donne desiderose di concepire un figlio si recavano ad attingere l’acqua che sgorgava dalla fonte.

“Riportarla al suo splendore sarà senza dubbio un importante richiamo turistico per i tanti visitatori che raggiungono l’abbazia di San Giovanni in Venere. – tiene a sottolineare il sindaco Enrico Di Giuseppantonio, che per anni si è prodigato per ottenere i fondi necessari per restaurarla e renderla agibile - ll muro di cinta della Fonte verrà ripristinato esattamente con gli elementi lapidei originali i quali sono stati censiti e conservati per il corretto riposizionamento”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi