Impianto per rifiuti sanitari infettivi ad Atessa, Borrelli: "Popolazione contraria" - Secondo il sindaco distanze non rispettate
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Atessa   Ambiente 21/01

Impianto per rifiuti sanitari infettivi ad Atessa, Borrelli: "Popolazione contraria"

Secondo il sindaco distanze non rispettate

Distanza di sicurezza non rispettata con case e un bosco protetto di interesse comunitario a rischio. Il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli, torna ad accendere i riflettori sull'impianto che dovrebbe ospitare rifiuti sanitari infettivi in contrada Saletti.

"Se si dà uno sguardo alla mappa della zona circostante, il sito affittato dalla ditta Di Nizio alla Colansante holding, per la realizzazione dell'impianto, si nota chiaramente come la distanza di sicurezza, prevista dalla legge nazionale, che fa testo dopo la sentenza 28/2019 della Corte costituzionale, non sia rispettata".

"Nel progetto della Di Nizio si dice che c'è una sola casa, a pochi metri dal sito, ma la realtà è diversa. Entro un raggio di 500 metri, tenendo conto delle distanze dai nuclei abitativi imposte dalla legge, vivono decine di famiglie. Nel solo edificio indicato dalla ditta abitano tre nuclei familiari. A meno di trecento metri ci sono 7 case con più nuclei familiari. Più in là, dentro sempre il perimetro pericoloso, si contano altre venti abitazioni".

"Ai rischi per i residenti, va aggiunto il danno per il bosco di Mozzagrogna, un grande parco popolato da specie protette, un Sic (Sito di Interesse Comunitario), distante in linea d'aria 1 chilometro e 600 metri. È evidente che dovrà essere effettuata la Vinca, dovrà esserci cioè una opportuna Valutazione dell'incidenza che quell'impianto ha su un luogo che va tutelato. Così come va considerata la direttiva Seveso tre relativa al controllo del pericolo di incidenti connessi con le sostanze pericolose potenzialmente presenti all'interno dello stabilimento. Sono obiezioni avanzate anche dalle associazioni ambientaliste (Legambiente, Wwf, Nuovo Senso Civico, Noimessidaparte, Cai) che stanno combattendo con noi questa battaglia e che ringrazio per il loro impegno concreto".

"Molto sentita è poi la preoccupazione per la qualità dell'aria. È previsto, con questo impianto, un via vai giornaliero di 67 automezzi che si aggiungono al traffico esistente e che, per l'effetto cumulo, possono compromettere del tutto un già difficile equilibrio ambientale che avrebbe bisogno, da parte della Regione, di un serio e completo monitoraggio (sia delle emissioni veicolari, sia di quelle industriali) prima di poter prendere in considerazione richieste di autorizzazione per nuovi impianti che hanno un forte impatto su tutto il territorio. Sono queste le ragioni della decisa opposizione della nostra popolazione a progetti come quelli della Di Nizio".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi