A Casoli una mostra racconta la storia dei campi di concentramento in Abruzzo - Il 26 e 27 gennaio gli appuntamenti curati dall’Anpi

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Casoli   Cultura 05/01

A Casoli una mostra racconta la storia dei campi di concentramento in Abruzzo

Il 26 e 27 gennaio gli appuntamenti curati dall’Anpi

Il 26 gennaio 2020, alle ore 16, al Cinema-Teatro Comunale di Casoli, verrà inaugurata la mostra storico-documentaria “I campi di concentramento fascisti in Abruzzo dal 1940 al 1943”. La mostra, organizzata dalla sezione ANPI di Casoli e curata da Giuseppe Lorentini, Kiara F. Abad Bruzzo, Gianni Orecchioni e Nicola Palombaro, con il patrocinio e il contributo del Comune di Casoli, ha lo scopo di documentare e rendere fruibile a tutti i cittadini il sistema concentrazionario italiano durante la Seconda guerra mondiale e, nello specifico, negli anni 1940-1943. Verranno presentati, attraverso un percorso didattico di assoluto rigore scientifico e ricco di documenti storici, 14 pannelli di grandi dimensioni che faranno emergere come l’Abruzzo sia stata la regione prescelta dal regime fascista per attuare il suo sistema concentrazionario.

Oltre alla presenza di ebrei stranieri, di antifascisti, di Rom e Sinti, nei campi di concentramento abruzzesi vi furono numerose persone deportate dalla ex Jugoslavia. Tra queste il pittore sloveno Ljubo Ravnikar, i cui acquarelli, raffiguranti scene di vita del campo di concentramento di Casoli in cui fu internato, saranno presentati in riproduzione, per la prima volta in Italia, grazie alla gentile concessione della Direttrice del Museo di Storia Contemporanea della Slovenia Dr. Kaja Širok e con il consenso di Uros Ravnikar, figlio del pittore sloveno.

A seguire alle ore 18.00, presso il Cinema-Teatro Comunale di Casoli si terrà la conferenza “La paura dell'altro: dalle leggi razziste alle deportazioni”. Interverranno: Giuseppe Lorentini, Manuele Gianfrancesco, Gianni Orecchioni e Nicola Palombaro, con il coordinamento di Cecilia Di Paolo e letture a cura di Icks Borea.

Il 27 gennaio, alle ore 8.30, gli storici Manuele Gianfrancesco e Giuseppe Lorentini incontreranno gli studenti dell'Istituto d’Istruzione Statale Superiore “Algeri Marino” di Casoli per la presentazione del volume “Vietato studiare, Vietato insegnare”Il ministero dell’educazione nazionale e l’attuazione delle norme antiebraiche (1938-1943). L'occasione sarà luogo di confronto sulle tematiche delle leggi razziali e del razzismo a scuola. Alle ore 11.00, in Piazza della Memoria, l’amministrazione comunale pianterà un ulivo in memoria degli internati del campo di concentramento.

A seguire, alle ore 18:00, presso il Cinema-Teatro Comunale, verrà presentato il libro "Non era una donna, era un bandito" - Rita Rosani una ragazza in guerra di Livio Sirovich, cittadino onorario di Casoli dal 2018. Narra la storia di una ragazza ebrea triestina, Rita Rosani, decorata con la Medaglia d'Oro al Valor Militare, fidanzata con Giacomo Nagler, anche lui ebreo, internato nel campo di concentramento di Casoli e  successivamente sterminato ad Auschwitz insieme a suo padre e sua madre. Interverranno, alla presenza dell'autore, Giuseppe Lorentini, Piera Della Morgia e Gianni Orecchioni, con il coordinamento di Cecilia Di Paolo e letture a cura di Icks Borea.

All'inaugurazione della mostra e alla conferenza di apertura sono stati invitati, tra gli altri, Uros Ravnikar, figlio del pittore internato a Casoli e Corropoli, gli storici sloveni Boris e Metka Gombač, Katarina Bebler, nata a Lanciano dagli internati Jelacin Risto e Damian Baebler, entrambi deportati da Lubiana, Maria Emilia Szenwic Yazbeck e Dany Yazbeck, figlia e nipote di Enrico Viglia, confinato a Lanciano e di Angelica Szenwic, internata nel campo di concentramento femminile di Lanciano.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi