Incidente mortale in Sevel, 7 gennaio stop produttivo nel primo turno - Disposti dal magistrato l’autopsia della salma ed il parziale sequestro dell’area
 
Atessa   Cronaca 04/01

Incidente mortale in Sevel, 7 gennaio stop produttivo nel primo turno

Disposti dal magistrato l’autopsia della salma ed il parziale sequestro dell’area

Ore 13.00 - La direzione aziendale ha comunicato il senza lavoro per martedì 7 gennaio, al momento solo per il primo turno di lavoro, dopo il tragico evento avvenuto nel reparto lastratura ed il parziale sequestro dell'area interessata. 

La notizia - 29 anni, sposato, originario di Pignataro Interamna (Frosinone). Cristian Terilli, il giovane manutentore morto ieri nel tragico incidente nello stabilimento Sevel di Atessa, lascia la moglie Michela e i suoi due bambini, Martina e Mattia.

L’operaio, dipendente della ditta Sinergia, stava effettuando un intervento di manutenzione per conto della Comau, società del gruppo FCA, sostituendo un tirante di un discensore che si è sganciato e gli è caduto addosso non lasciandogli scampo.

L’incidente è avvenuto poco prima delle 13. Subito sul posto è arrivato il 118 con l’eliambulanza da Pescara ma i sanitari non hanno potuto far altro che constatare la morte del giovane. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Atessa e la dirigente del Commissariato di Polizia di Lanciano, il vice questore Lucia D’Agostino.

L’area in cui è avvenuto l’incidente, il primo in in oltre 40 anni di attività, è stata posta sotto sequestro dal pm di Lanciano Serena Rossi. Il magistrato ha disposto l’autopsia della salma che si farà nell’ospedale di Chieti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi