Era ai domiciliari a Lanciano: i carabinieri lo fermano in auto con un amico a San Vito - Per un 46enne potrebbero aggravarsi le misure restrittive
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Era ai domiciliari a Lanciano: i carabinieri lo fermano in auto con un amico a San Vito

Per un 46enne potrebbero aggravarsi le misure restrittive

Rischia un aggravamento della misura restrittiva il 46enne di Lanciano, D.P., fermato ieri dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ortona a bordo di un’autovettura condotta da un suo amico lungo la Statale Adriatica a San Vito Marina. L'uomo, infatti, già noto alle forze dell'ordine contro il patrimonio e stupefacenti, è attualmente sottoposto alla detenzione domiciliare nell’abitazione di residenza per una condanna a 3 anni di reclusione per un furto in abitazione commesso nel 2017.

Dopo l'alt dei carabinieri "ha tentato di giustificare il suo allontanamento da casa con la necessità di doversi recare presso il S.E.R.T. di Lanciano - riferisce una nota della Compagnia di Ortona -. Ma né il luogo né l’orario e il giorno di permesso per assolvere a tale necessità corrispondevano a quanto autorizzato dal Magistrato che aveva disposto due anni fa la misura detentiva".

Il 46enne, quindi, è stato "tratto in arresto per evasione, è stato condotto nella mattinata odierna dinanzi al G.I.P. presso il Tribunale di Lanciano, il quale ha convalidato l’arresto e ripristinato la misura della detenzione domiciliare, in attesa delle successive determinazioni che, alla luce della violazione commessa, potrebbero aggravare la misura in atto".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi