Un buongiorno in versi e musica: Torino di Sangro si sveglia con il tradizionale Visadorno - Si rinnova la devozione per la Madonna di Loreto

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Torino di Sangro   Cultura 10/12/2019

Un buongiorno in versi e musica: Torino di Sangro si sveglia con il tradizionale Visadorno

Si rinnova la devozione per la Madonna di Loreto

È ancora notte quando le prime persone entrano in chiesa per pregare, proseguendo nel rituale iniziato il pomeriggio prima con la fiaccolata. Il paese inizia ad animarsi e, alle 5, sono già tanti i cittadini di Torino di Sangro, dai bambini agli anziani, radunati davanti alla chiesa di San Salvatore pronti a rinnovare il tradizionale rito del buongiorno del Visadorno, nel giorno in cui si ricorda la traslazione della Santa Casa di Loreto. La devozione per la Madonna nera risale al 1300, quando venne costruita la chiesa a lei dedicata. Quest'anno, per la prima volta, non è la chiesa su corso Lauretano ad accogliere l'inizio del rito a causa dei lavori di restauro ma la chiesa parrocchiale. La statua della Madonna di Loreto viene portata dal comitato feste sin sulla soglia della porta e, alle 5 in punto, inizia il canto.

Sono le voci di Antonio Ciannameo - cantore storico torinese - e del più giovane Nicola Mancini, ad intonare le strofe del Visadorno, un canto-preghiera dedicato alla Madonna. Ad accompagnarli le note di un gruppo di musicisti del Concerto bandistico G.Verdi di Tornareccio. Al Visadorno, con i suoi versi la cui origine si perde nel tempo, segue poi l'esecuzione della Pastorale, una ninna nanna strumentale dedicata alla Madonna. Inizia così la lunga mattinata torinese, con il canto del buongiorno portato ai rappresentanti della comunità. La prima dedica è per il parroco Don Pietro, poi il lungo corteo raggiunge il Municipio per dare il suo buongiorno al sindaco Nino Di Fonso e infine nella caserma dei carabinieri per dedicare il canto ai militari guidati dal comandante Michele Cefaratti. A tutti viene offerta una meritata colazione e poi si continua, con canto e musica, a svegliare il paese con i versi del Visadorno che risuonano lungo le strade. Immancabile la tappa dalla pasticceria Ferrante, dove i torinesi vengono accolti dal profumo delle scrippelle appena preparate che sono il doveroso ristoro. È una tradizione che si rinnova, anno dopo anno, e che accompagna tutti i torinesi in questa giornata dedicata alla Madonna di Loreto che poi proseguirà con le sue celebrazioni fino a sera. 

Video a cura di Giuseppe Ritucci
Foto di Costanzo D'Angelo

Guarda il video Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Torino di Sangro - Il buongiorno del Visadorno

Le immagini e le voci dei protagonisti - A cura di Giuseppe Ritucci



 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi