Lavori per la fibra ottica sulla rete ferroviaria, ma la Tua non ha dato l’autorizzazione - Giuliante: "Vicenda paradossale e pericolosa"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Val di Sangro   Attualità 18/09/2019

Lavori per la fibra ottica sulla rete ferroviaria, ma la Tua non ha dato l’autorizzazione

Giuliante: "Vicenda paradossale e pericolosa"

“Subito dopo ferragosto i nostri uffici hanno ricevuto delle comunicazioni da parte di una società privata che annunciavano l’imminente avvio di un cantiere per la posa di cavi in fibra ottica lungo il tratto ferroviario oggetto della concessione quarantennale con ARAP; ovviamente, non avendo rilasciato alcuna specifica autorizzazione, è stata formulata rituale diffida alla ditta di astenersi da qualsivoglia attività sulle linee ferroviarie e, contestualmente, è stata resa edotta anche ARAP della vicenda”. A dirlo è il presidente Tua spa, Gianfranco Giuliante, sulla vicenda che riguarda la rete nata nel 1998 da una convenzione tra la società Sangritana (oggi TUA Spa) ed il consorzio industriale del Sangro (oggi ARAP) per garantire al comparto dell’automotive della Val di Sangro un collegamento ferroviario in grado di assicurare una efficace e funzionale rete di distribuzione dei veicoli in tutta l’Europa.

“La stessa ARAP – spiega il presidente della Tua Spa – pur confermando di aver avuto delle interlocuzioni con la ditta in questione, ha escluso di aver autorizzato l’avvio di opere senza il dovuto assenso di Tua e ha formalizzato, a sua volta, analoga diffida all’esecuzione di qualsiasi cantiere ma, ciò nonostante, di lì a qualche giorno, ecco il reiterato ed abusivo accesso di uomini e mezzi lungo il tratto ferroviario per l’esecuzione di opere di scavo e posa di cavi, costringendo il sottoscritto a rivolgersi alla Procura della Repubblica competente per denunciare l’accaduto”.

 “Neppure tale iniziativa – aggiunge Giuliante – ha sortito effetti, poiché la ditta ha continuato l’abusivo quanto pericoloso accesso alla rete ferroviaria, tanto che le due società hanno anche dato mandato ai rispettivi legali di percorrere ogni ulteriore iniziativa nelle sedi opportune per ottenere la cessazione delle attività edili ed il ripristino dello stato dei luoghi, ma nel frattempo vi è una permanente situazione di pericolo”.

“Si tratta – conclude Giuliante – di una vicenda paradossale, nella quale un privato sta mettendo da settimane pervicacemente a rischio l’incolumità di molte persone, generando altresì una grave turbativa al pubblico servizio ferroviario che, nello specifico, rischia di avere ripercussioni sulla regolare attività di tutte quelle aziende legate al distretto sangrino dell’automotive, che, va ricordato, rappresenta la spina dorsale dell’economia dell’intera regione. Per quanto ci riguarda, abbiamo fatto e faremo tutto il possibile per garantire servizi e sicurezza, auspicando una altrettanto pronta risposta delle istituzioni competenti per ristabilire legalità e certezze”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi