La pesca di frodo non si ferma, sequestrate reti pronte per essere usate nel Sangro - Ieri pomeriggio a Fossacesia
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Fossacesia   Cronaca 03/05/2019

La pesca di frodo non si ferma, sequestrate reti pronte per essere usate nel Sangro

Ieri pomeriggio a Fossacesia

Le reti sequestrateReti pronte per essere usate nel Sangro per la pesca di bracconaggio. A scoprirle sono stati, ieri pomeriggio, gli agenti ittici dell'Arci Pesca Fisa in territorio di Fossacesia.

A poca distanza dal corso d'acqua, durante la perlustrazione i volontari hanno trovato le reti nascoste tra la vegetazione dentro alcune buste. Sono stati allertati i carabinieri forestali che sono arrivati sul posto con due pattuglie. Durante i successivi controlli è stato individuato un uomo che non ha saputo giustificare la propria presenza sul posto.

L'attività anti-bracconaggio non si ferma mai come i pescatori di frodo, ma individuarli e sanzionarli non è così scontato. La presenza di persone in prossimità di reti apposte di contrabbando non può essere ritenuta una prova della colpevolezza e l'operazione si conclude solitamente solo col sequestro degli strumenti da pesca.

Il 1° maggio scorso, un altro pescatore è stato fermato e sanzionato. Inizialmente, si è rifiutato di fornire le generalità , per questo sono stati allertati i carabinieri della stazione di Fossacesia. L'uomo di origini bulgare aveva da poco scontato i domiciliari e aveva l'auto priva di assicurazione che è stata posta sotto sequestro.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi