Futuro incerto per i lavoratori, alla Blutec è sciopero a oltranza - Sicurezza, ambiente, salari, progetti, "l’azienda non rispetta le promesse"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Atessa   Attualità 06/09/2018

Futuro incerto per i lavoratori, alla Blutec è sciopero a oltranza

Sicurezza, ambiente, salari, progetti, "l’azienda non rispetta le promesse"

“Da mesi cerchiamo di gestire i tanti problemi che ci assillano, ma il nostro lavoro non ha prodotto risultati”. Così la Fiom annuncia l’inizio dello sciopero ad oltranza nella ex Blutec di Atessa, oggi Ingegneria Italia srl.

“Sicurezza, ambiente, salari, progetti per il futuro, capacità di essere consequenziali rispetto agli impegni assunti, - spiega la Fiom - ma nulla. Per noi la Blutec non è più un’azienda con la quale discutere”. Per questo si spera in un intervento della Sevel, con cui la Blutec è legata a doppio filo per il perfezionamento dei furgoni Ducato, che possa “ridare dignità ad un’azienda che grazie ai propri dipendenti ha espresso un altissimo livello professionale”.

Oggi invece non c’è certezza sul futuro e la situazione precaria, tra arretrati da pagare ed uno stabilimento da rimodernare, inizia a farsi davvero pesante. “La Fiom ritiene necessario scioperare e lo farà fino a che non interverranno elementi sufficienti per ristabilire condizioni di normalità. - afferma il sindacato - Vogliamo un interlocutore serio, un soggetto industriale che possa pianificare un percorso di rilancio del sito e che mostri capacità nel portare avanti quegli impegni che Blutec non ha mai rispettato”. Da ieri, quindi, è sciopero a tempo indeterminato.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi