19enne curdo viaggia dalla Grecia alla Sevel aggrappato sotto a un tir - Il ragazzo è stato preso in custodia dalla Polizia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Atessa   Cronaca 12/11/2017

19enne curdo viaggia dalla Grecia alla Sevel aggrappato sotto a un tir

Il ragazzo è stato preso in custodia dalla Polizia

Foto di repertorioMigliaia di chilometri, tre giorni, aggrappato al telaio del tir. La scoperta è avvenuta ieri mattina nel piazzale della Sevel di Atessa. Un giovane curdo di 19 anni era aggrappato, ferito, sotto a un tir proveniente dalla Grecia, dove l'iraniano si è "imbarcato". In questo modo è riuscito a passare senza essere fermato i controlli sia in Grecia che al porto di Brindisi.

Sono stati subito avvertiti i carabinieri della locale stazione che sono intevenuti interrogando il ragazzo. Questo ha raccontato di aver viaggiato in quelle terribili condizioni per tutto il tempo.

Il 19enne accusava dolori a una caviglia (risultata poi slogata) e ha riportato delle lievi ustioni a una mano per la vicinanza alla marmitta. Per questo motivo è stato trasportato all'ospedale "Renzetti" di Lanciano, dove è stato medicato. Dopo le dimissioni dal nosocomio lancianese, il giovane curdo è stato affidato all'ufficio Stranieri della Polizia di Stato lancianese. 

Non è la prima volta che accade. Sono numerosi i casi simili in Italia e non solo: migranti che cercano di raggiungere l'Europa aggrappati sotto ai mezzi pesanti – a volte all'insaputa degli autotrasportatori, altre volte no – per evadere i controlli. Viaggi in condizioni terribili, questi, che non di rado terminano con la caduta e la morte sotto alle ruote del tir.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi