Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Atessa   Attualità 02/11/2016

Sevel: tre giorni di sciopero
a novembre

Nato il Comitato dei lavoratori per il no al referendum

Tredicesimo turno straordinario di sabato, recupero produttivo delle fermate a regime e interinali costretti a super turni di lavoro arrivando anche a 35/40 ore di straordinario mensile. Per questi motivi l’Unione Sindacale di Base dichiara in Sevel, in prossimità della chiusura dell’ennesimo anno da record, uno sciopero per tutti i turni di recupero produttivo nei giorni 5, 6 e 12 novembre.

E’ moralmente possibile - si domanda il sindacato - chiedere ai lavoratori, dopo 12 turni di lavoro straordinario e ferie ridotte, di recuperare una giornata di fermata, tra l’altro a regime ordinario?”.

L’USB si dichiara fortemente contraria alla decisione dell’azienda e chiede che la fermata del 16 giugno venga coperta da un par collettivo poiché contrattualmente previsto. “Nel frattempo - concludono dal sindacato - chiediamo ai lavoratori di non presentarsi al lavoro nei giorni di recupero produttivo previsti per i giorni di 5, 6 e 12 novembre”.

In vista del referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, si è inoltre costituito il Comitato di lavoratrici e lavoratori degli stabilimenti italiani FCA per il no alla riforma che vuole “difendere la nostra storia ma soprattutto la carta costituzionale messa in discussione da chi già adesso ne fa un uso improprio per interessi personali”, affermano i lavoratori. Il Comitato invita pertanto tutti i lavoratori e lavoratrici firmare l’appello sulla pagina Facebook lavoratori FCA per il NO al referendum.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi