CHIUDI [X]
 
Atessa   Attualità 14/03/2014

Nel parcheggio Sevel solo le auto
del gruppo PSA e Fiat Chrysler

La protesta della Fiom su questa decisione

La Sevel di AtessaI dipendenti che possiedono un'auto del gruppo PSA e Fiat Chrysler continueranno a parcheggiare negli spazi aziendali, gli altri, a partire dal 17 marzo, resteranno fuori. A rendere nota questo provvedimento adottato dalla direzione Sevel di Atessa è una nota di Davide Labbrozzi, segretario generale della Fiom Cgil di Chieti. Una decisione che rischia di creare il caos nella Val di Sangro. "In pratica - spiega Labbrozzi-, tutti i dipendenti che possiedono auto non prodotte dal gruppo, non potranno più parcheggiare in azienda. Questa decisione ci lascia di stucco in quanto, dalle dichiarazioni di Marchionne, si intuisce una vocazione globale dell’Azienda, la Fiat nel mercato globale e non più Azienda italiana che guarda al suo Paese con un occhio attento.

Chiaramente questo è un dettaglio, nell’analisi che la Fiom vuole proporre, infatti, a preoccupare è chiaramente la destinazione delle centinaia di auto che dovranno essere lasciate all’esterno dell’Azienda,  dove chiaramente posti per sostare non vi sono. Bisogna pensare alla mobilità che intorno allo stabilimento di Atessa si produce durante la giornata, centinaia di auto, decine di pullman, migliaia di pedoni, lavoratori che a piedi attraversano le strade adiacenti la Sevel".

Labbrozzi annuncia che verranno coinvolti il Prefetto, il Comune di Atessa, la Provincia, la Regione ed il Consorzio Industriale, "organi che dovranno affrontare il problema per capire come governare gli effetti devastanti che da questo provvedimento scaturiranno. Questa determinazione aziendale è inopportuna e sbagliata, è incoerente con le politiche globali professate dalla Fiat, offende le lavoratrici ed i lavoratori che avendo un auto differente da quelle consigliate si sentiranno un’anomalia e, creerà seri problemi alla viabilità del territorio. Tornerà ad essere un reale problema il governo del traffico e della sicurezza di chi ogni giorno percorre le strade del comprensorio".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi

         
         

        Chiudi
        Chiudi