Fossacesia, nuova rete in fibra ottica per la banda ultralarga - Si parte da Villa Scorciosa e poi si estenderà a tutto il territorio comunale

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Fossacesia, nuova rete in fibra ottica per la banda ultralarga

Si parte da Villa Scorciosa e poi si estenderà a tutto il territorio comunale

Parte il primo lotto dei lavori, autorizzato dell'Amministrazione comunale di Fossacesia e finanziato dalla Regione nell’ambito del grande progetto per la banda ultra larga in Abruzzo, nella frazione di Villa Scorciosa. Successivamente si estenderà su tutto il territorio di Fossacesia. Una buona parte è stata già coperta dalla TIM.

Lo sviluppo della rete anche nei territori più piccoli, è a cura della Open Fiber, che opera per conto di Infratel SpA. “L’intervento interesserà tutti gli abitanti di Villa Scorciosa – afferma il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio -. Ricordo che la fibra è già una realtà a Fossacesia e ho già chiesto che venga portata in tutto il territorio extra urbano e a Fossacesia Marina, offrendo così un ulteriore servizio ai turisti che in estate affollano la nostra spiaggia”.

Il progetto per la realizzazione della rete ultraveloce è nato grazie alla convenzione siglata fra il Ministero per lo Sviluppo Economico, i Comuni interessati e Infratel Italia, società “in house” del Ministero dello sviluppo economico e soggetto attuatore dei Piani Banda Larga e Ultra Larga del Governo. Infratel Italia ha emesso due bandi di gara per l’implementazione e gestione della rete ultra veloce nelle “aree bianche”, ed entrambi sono stati vinti da Open Fiber.

Il primo bando, che prevede una concessione ventennale, riguarda la rete di accesso per circa tremila Comuni presenti in Abruzzo, Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto. Con il secondo bando l’azienda si è aggiudicata il servizio per altre dieci Regioni e per la Provincia Autonoma di Trento. La società prevede di utilizzare, ove possibile, i cavidotti e le infrastrutture di rete sotterranee già esistenti, prediligendo modalità a basso impatto ambientale. Si occuperà anche del ripristino delle strade interessate dai lavori, siano essi provvisori – per garantire il consolidamento del terreno – o definitivi, cancellando dal manto i segni dei cantieri.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi