Rapina San Vito, Confesercenti chiede più sicurezza - Solidarietà dal commerciante da parte dell’associazione di categoria

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Rapina San Vito, Confesercenti chiede più sicurezza

Solidarietà dal commerciante da parte dell’associazione di categoria

Piena solidarietà di Confesercenti e della sua Federazione degli Esercenti Specialisti dell’Alimentazione (Fiesa) a Domenico Iezzi, l’imprenditore titolare del minimarket di San Vito Chietino rapinato con violenza, la sera del 26 marzo, nell’orario di chiusura della sua attività, nel corso della quale i malviventi lo hanno legato, imbavagliato e gli hanno tagliato un dito.

“L’amico Domenico Iezzi è stato rapinato altre volte – spiegano il presidente regionale di Fiesa Confesercenti d’Abruzzo Vinceslao Ruccolo ed il presidente provinciale di Confesercenti Provincia di Chieti Franco Menna – e si è sempre rimesso al lavoro. Questa volta la rapina è stata più violenta, colpendo un bravo imprenditore che stava chiudendo la sua attività dopo una lunga giornata di lavoro. Ribadiamo la richiesta formulata in più occasioni: specialmente nell’orario di chiusura delle attività è necessario rinforzare il pattugliamento delle nostre strade, perché sono i momenti più delicati per i titolari e i loro collaboratori. È questo – concludono Ruccolo e Menna – che chiederemo al Prefetto di Chieti fin dalle prossime ore”.

Domenico Iezzi, che è titolare del minimarket che gestisce da oltre cinquant’anni, legato e imbavagliato, è riuscito a liberarsi dopo oltre un’ora e ha chiamato i carabinieri di Ortona [LEGGI QUI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi