Casoli, lite al bar per futili motivi, spunta un coltello - Albanese arrestato dai Carabinieri per tentato omicidio

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Casoli   Cronaca 17/03

Casoli, lite al bar per futili motivi, spunta un coltello

Albanese arrestato dai Carabinieri per tentato omicidio

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lanciano insieme ai colleghi della Stazione di Casoli, ieri pomeriggio hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso del tribunale di Lanciano per il reato di tentato omicidio, nei confronti di un cittadino albanese domiciliato a Casoli, Hakani Buljan, 30enne, già noto alle forze dell’ordine per altri reati.

Il fatto risale a circa un mese fa, quando un meccanico albanese C.A., 34enne residente a Casoli, nel pieno della notte, si era presentato autonomamente al Pronto Soccorso di Casoli asserendo di essere caduto accidentalmente mentre stava effettuando dei lavori nella sua officina, rovinando violentemente su alcune parti meccaniche in metallo poste sul pavimento. Poiché le ferite erano profonde, l’uomo era stato successivamente trasportato nell’ospedale di Chieti ed lì ricoverato con prognosi da valutarsi.

Gli immediati accertamenti condotti dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lanciano agli ordini del tenente Massimo Canale, hanno permesso di verificare, nell’immediatezza, che C.A. presentava delle ferite da arma da taglio, due al torace, una al braccio e due alle gambe, assolutamente incompatibili con quanto dallo stesso raccontato all’atto del ricovero.

In particolare, i sanitari hanno poi accertato che uno dei fendenti al torace era molto profondo ed avrebbe potuto provocargli anche la morte ma che, fortunatamente, si era fermato a pochi centimetri dal cuore. Le articolate indagini condotte dai militari della Compagnia di Lanciano diretta dal Capitano Vincenzo Orlando hanno permesso una precisa ricostruzione della vicenda accertando che la vittima, la notte del 13 febbraio scorso, per futili motivi, forse anche aggravati dall’uso di alcool, aveva avuto un litigio con il suo connazionale mentre si trovava nei pressi di un bar di Casoli e che tale litigio era successivamente degenerato in una violenta e selvaggia aggressione con un coltello durante la quale aveva riportato le lesioni gravi anzidette e che avrebbero anche potuto provocargli la morte.

L’esito delle risultanze investigative prodotte all’Autorità Giudiziaria hanno motivato il Gip del tribunale di Lanciano ad emettere la misura cautelare a carico del colpevole ritenendo sussistenti le esigenze di cautela connesse sia alla gravità del fatto che alla sua indole delinquenziale, quest’ultima fortemente percepita dalla vittima che, inizialmente, aveva omesso di denunciare i fatti nella sequenza avvenuta. L’arrestato è ora ristretto nella locale casa circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che nei prossimi giorni procederà con l’interrogatorio di garanzia.   

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi