Una nuova rete per il territorio del Sangro Aventino - Se ne è parlato in un convegno all’Auditorium Italia di Atessa

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Atessa   Attualità 05/05

Una nuova rete per il territorio
del Sangro Aventino

Se ne è parlato in un convegno all’Auditorium Italia di Atessa

L’Associazione tra Enti Locali del Sangro Aventino, che riunisce 63 comuni della provincia di Chieti e L’Aquila, ha realizzato un Sistema Informativo Territoriale finalizzato a facilitare l’accesso e la consultazione di cartografie, dati catastali, piani urbanistici locali e settoriali.

Il SIT è il prodotto dell’incrocio di diverse banche dati, tra cui i dati catastali, l’anagrafica tributaria, il PRG comunale, la toponomastica, e si presenta come un utile strumento ai fini dell’attuazione delle nuove politiche di fiscalità locale e di pianificazione territoriale.

Uno strumento innovativo a supporto del personale della Pubblica Amministrazione, dei professionisti, delle imprese e dei cittadini, creato per migliorare la gestione del territorio, rendendo i dati disponibili in forma digitalizzata e aggiornati.

Si è tenuto ieri, nell’Auditorium Italia di Atessa, il seminario di aggiornamento e formazione professionale, con rilascio di crediti formativi. Un momento di confronto tra amministratori, tecnici ed esperti in cui sono state spiegate finalità, risultati e prospettive di questo Sistema e illustrato come la pubblica amministrazione locale stia lavorando per rispondere al meglio alle esigenze del territorio.

All’incontro, moderato dal giornalista Gianni Quagliarella, hanno partecipato Nicola Cicchitti, sindaco di Atessa e presidente Associazione tra Enti Locali del Sangro Aventino, Antonella Marra, responsabile amministrativo dell’Associazione tra Enti Locali del Sangro Aventino. A seguire gli interventi di Massimo Staniscia, referente dell’Associazione tra Enti Locali del Sangro Aventino (“Il Sistema Informativo Territoriale dei Comuni aderenti all’Associazione tra Enti Locali Sangro Aventino”), Marcello Di Toro, tecnico del Comune di Casoli, e Rosanna Antrilli, tecnico del Comune di Torricella Peligna (“L’utilità delle banche dati digitalizzate per gli Enti Locali e per i professionisti”), Donato Di Ludovico, ricercatore di pianificazione e progettazione urbanistica e territoriale, Diceaa dell’Università dell’Aquila (“Sistemi informativi territoriali per la costruzione e la gestione del piano urbanistico e territoriale”) e Luciano Cococcia, responsabile dell’Ufficio Infrastrutture Tecnologiche e Geografiche - Sistema Informativo Regionale della Regione Abruzzo (“Uno sguardo al futuro: cosa accade nella P.A. italiana e qual è il ruolo della Regione Abruzzo”). A chiudere i lavori gli interventi di Nicola Centofanti, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Chieti, Rocco Antonio Santone, presidente dell’Ordine dei Geometri e Geometri Laureati della provincia di Chieti, Franco Trovarelli, presidente dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Chieti e Mario Di Pardo, presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Chieti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi